Topic 1 Introduzione

Entità del problema

I disturbi mentali nei bambini e negli adolescenti sono una preoccupazione crescente. Sono più frequenti di ciò che si possa pensare , come dimostrano gli studi epidemiologici in cui si osserva , per esempio, che più del 13% di adolescenti tra i 12 e i 17 anni negli Stati Uniti soffre di depressione, il 9.4% di bambini dai 3 ai 17 anni hanno ADHD (Monaco, 2021) e il 6.5% di bambini e adolescenti soffre di disturbi d’ansia (Creswell et al., 2020). Circa il 50% delle condizioni mentali comincia prima dei 14 anni e circa il 75% di questi prima dei 18 (Aguirre Velasco et al., 2020). La prevalenza dei disturbi psicologici più frequenti nell’età dello sviluppo è aumentata negli ultimi decenni (Monaco, 2021).

Riconoscere precocemente I sintomi dei disturbi psicologici in bambini e adolescenti è cruciale, in quanto hanno un impatto negativo sui loro risultati accademici, professionali, sulle attività sociali e sulla qualità di vita (Fusar-Poli, 2019) così come una ripercussione negativa a lungo termine nell’età adulta (Kowadenko & Culjak, 2018).

Come gli inseganti possono essere d’aiuto

Tuttavia si stima che circa il 75% degli adolescenti con problematiche di salute mentale non riceva trattamento (Children Commissioners, 2016). Spesso questo accade perché bambini e adolescenti sono riluttanti nel richiedere aiuto (Divin et al., 2018), ma anche perché non sono in grado di riconoscere i loro problemi da soli. Insegnanti e altri educatori possono riconoscere I sintomi di disturbi psicologici in bambini e adolescenti e incoraggiarli a richiedere aiuto. Per far sì che loro possano farlo, occorre aumentare le loro conoscenze nel campo della salute mentale.

Gli studi dimostrano che gli insegnanti possono essere bravi nel riconoscere sintomi esternalizzanti, ma avere problemi a identificare problematiche internalizzanti. Spesso tendono a vedere i propri studenti come sani e a sottostimare i loro problemi (Undheim et al., 2016). Alcuni studi dimostrano che gli inseganti, dopo un piccolo training formativo, possono diventare piuttosto accurati nello scorgere le difficoltà nei bambini, anche in caso di sintomi internalizzanti (van den Broek et al., 2021).