Topic 2 Definizioni e categorie dei fattori di rischi per le problematiche di salute mentale scatenate da situazioni di emergenza sanitaria e situazioni di crisi

I fattori di rischio sono quei fattori che rendono più probabile che le persone avranno conseguenze negative (NIDA, 2020). I fattori di rischio sono misurabili e predittivi, e molti fattori di rischio sono modificabili, ovvero soggetti al cambiamento attraverso un intervento (ACAY, 2015).

I fattori protettivi sono quei fattori che rendono più probabile che le persone sperimentino un risultato desiderato. I fattori protettivi promuono il superamento e l’adattamento alle situazioni di vita e ai cambiamenti. I fattori protettivi non sono la mera assenza di fattori di rischio; piuttosto, diminuiscono la probabilità che una conseguenza negativa possa accadere (e.g., Benard, 2004). Possono infatti modificare, tamponare, o ridurre le conseguenze di fattori di rischio (ARACY, 2015). Ognuno ha una combinazione di entrambi i fattori, di rischio e protettivi.

I fattori protettivi e quelli di rischio sono solitamente divisi in:

(https://ctb.ku.edu/en/table-of-contents/analyze/choose-and-adapt-community-interventions/risk-and-protective-factors/main):

  • Fattori ambientali – ovvero quelli presenti nell’ambiente sociale e fisico della persona e sono specifici di un gruppo di persone in ciascuna comunità (ad es. famiglia, città, condizioni di vita, norme e comportamenti degli amici)
  • Fattori individuali – esperienze personali, o aspetti della persona (o del gruppo) (es. Impulsività, resilienza, attaccamento)

I fattori di rischio non sono necessariamente la causa di esiti negativi, e devono essere valutati insieme ai fattori protettivi. L’influenza di questi fattori nei comportamenti delle persone è interattiva (non agiscono da soli) e cambia nel corso della vita.

Fattori di rischio e di protezione legati alle situazioni di crisi per le difficoltà legate alla salute mentale nell’infanzia e nell’adolescenza

Categoria Fattori
Esperienze prima della situazione di crisi
  • Programmi educativi che includono analisi dei rischio, consapevolezza e riduzione dei rischi, gestione delle catastrofi ( promozione di attività che aumentino la preparazione e riducano i rischi)
  • Informare le persone circa l’esistenza di un piano per le catastrofi a livello locale e/governativo
  • Coinvolgimento della comunità nella discussione circa i rischi, il piano per le catastrofi e la partecipazione a esercitazioni in caso di calamità locali
  • Avere piani di sicurezza familiari prima che una calamità o un’emergenza si verifichi
  • Psicoeducazione ai bambini e agli adulti circa le normali reazioni alle catastrofi e tecniche per la gestione dello stress
  • Apprendere tecniche di rilassamento
  • Coinvolgimento indiretto
  • Dare ai bambini la responsabilità di prendersi cura degli altri e incoraggiare un coping attivo (ad es. assumendo un ruolo di cura nei confronti di giocattoli)
  • Intervenire direttamente in relazione al disastro (ma in un ambiente sicuro)
Economia
  • Ristrutturazione di case e proprietà
  • Garantire un alloggio permamente
Emozioni
  • Conversare con se stessi in modo positivo e distrazioni salutari
  • Dirigere la propria energia verso attività adeguate all'età che promuovano abilità
  • Fornire ai bambini l'opportunità di parlare di ciò che hanno passato o di cosa ne pensano
  • Dare ai bambini l'opportunità di condividere preoccupazioni e porre domande
Salute
  • Accesso ad un'adeguata assistenza psicologica o sanitaria

Educazione e scolarizzazione
  • Senso di sicurezza e di appartenenza percepito
  • Raggiugimento di competenze nella lingua del paese ospitante
Media
  • Limitare l’esposizione alla copertura mediatica di eventi traumatici e delle conseguenze
  • Fornire ai bambini semplici informazioni appropriate all’età in modo che possano comprendere cosa sta succedendo
  • Informazioni utili, veritiere e attenditibili
Famiglia
  • Disponibilità delle risorse della famiglia
  • Reazioni stabili dei genitori e dei caregivers di fronte ad eventi avversi
  • Genitori e caregiver gestiscono le emergenze in modo sicuro
  • Genitori trasemttono un senso di resilienza ai loro bambini
  • Buona salute mentale dei genitori, in particolare della madre
  • Buona coesione familiare e percezione di un alto supporto genitoriale
Società
  • Capacità di resilienza della comunità di rispondere e riprendersi dalle avversità
  • bassa violenza e discriminazione da parte dei coetanei
  • vivere e socializzare insieme ad altre persone della stessa etnia
  • Supporto di genitori, amici, vicini e delle infrastrutture sociali
  • Percezione che questo supporto sia adeguato
  • Aderenza ai valori tradizionali di gerarchia familiare in accordo con la propria età e il proprio genere
Tempo libero e svago
  • attività di svago e relax

Fattori di rischio legati alla situazioni di crisi per difficoltà di salute mentali nell’infanzia e adolescenza

Categoria Fattori
Esperienze prima della situazione di crisi
  • mancanza di informazioni circa esperienze come la migrazione o l’esilio
  • eventi avversi precedenti (e. episodi di emergenza, essere stati esposti a violenza
  • poca connessione con il vicinato/quartiere
  • assenza di conoscenze e consapevolezza dei rischi o percezioni irrealistica di questi
  • eventi avversi, traumatici o stressanti precedenti

Esperienze dopo la situazione di crisi

  • coinvolgimento diretto
  • essere stati feriti fisicamente (specialmente alla testa)
  • alto grado di minaccia percepita durante l’esposizione all’evento traumatico
  • esposizione diretta e indiretta alla violenza
  • durata prolungata di esposizione

Economia

  • problemi di ristrutturazione di case e proprietà
  • continuare a vivere in situazioni temporanee
  • perdita dei propri averi, inclusi oggetti di valore affettivo, case, aiuti economici

Emozioni

  • paura di perdere qualcuno caro (un membro della famiglia, un amico stretto, un animale domestico)
  • paura dell’ignoto
  • paura del ripetersi di un evento estremo
  • tentativi di risolvere attivamente stressor incontrollabili e interpersonali (es. conflitti fra i genitori, malattie )

Salute

  • preoccupazioni o condizioni di salute nuove o persistenti
  • mancanza di accesso all assistenza psicologica o sanitaria
  • mancanza di accesso ai farmaci prescritti

Media

  • informazioni conflittuali
  • ripetuta esposizione dei mass media all’emergenza e alle sue conseguenze (e.g., immagini del disatro, reportage negativi)

Famiglia

  • separazione dai genitori, familiari, e/o caregivers
  • perdita di un familiare, di un’amico intimo o di un animale domestico
  • rottura delle relazioni e perdita d’intimità
  • rottura delle routine familiari e delle condizioni di vita
  • cambiamenti nella composizione familiare
  • abuso fisico o mentale e neglet di partner o bambini
  • senso di incertezza trasmesso da genitori e/o caregivers
  • Scarsa comunicazione all’interno della famiglia
  • preoccupazioni dei genitori circa i problemi finanziari

Società

  • separazione fisica dagli amici
  • interruzioni dai social networks e dalle relazioni
  • riduzione del livello di supporto sociale
  • grandi differenze culturali
  • percezione di discriminazione

Svago e tempo libero

  • interruzione delle attivià di svago e di relax

Cambiamenti nella visione del mondo e di se stessi

  • insicurezza circa la propria salute
  • cambiamenti nella routine, stili e condizioni di vita
  • perdita di controllo e azione
  • perdita di aspirazioni per obiettivi futuri

Fattori generali di rischio e protettivi per le difficoltà nel campo della salute mentale in bamnini e adolescenti manca qualcosa controlla vecchia slide

Età infantile

Individuali Familliari Scuola, vicinato e comunità

- Temperamento difficile: frequente irritabilià, scarsa adattabilità, abitudini irregolari

- attaccamento insicuro con I genitori

- Invalidità cognitiva, motoria o di linguaggio

- Nascita prematura

- Inibizione sociale o ostilità con I pari

- Ferite alla testa

- Comportamento aggressivo

- Vittimizzazione sessuale

- Disciplina rigida

- Stress materno

- Abuso di sostanze dei genitori

- Scarsa salute mentale nei genitori

- Neglet e abuso dei genitori

- Comportamento freddo e non responsivo della madre

- Conflitti coniugali

- Disfunzioni familiari

- Perdita dei genitori

- Genitori single

- Povertà

- Qualità povera dei servizi di cura per i bambini

- Mancanza di struttura medica

- Vivere in quartieri dalle condizioni povere

Pre adolescenza e adolescenza

Individuali Familiari Scuola, vicinato e comunità

- Sentirsi frequentemente ansioso o impaurito

- Impulsività

- Depressione e apatia

- Immagine di sè negativa

- Timidezza

- Attaccamento insicuro con i genitori

- Mancanza di skills sociali: essere aggressivi, impulsivi, passivi, o

- Scarso rendimento scolastico-

- Scarso impegno per la scuola- Vittimizzazione sessuale-

- Eventi traumatici o stressanti

Pre adolescenza

- Deficit nel controllo degli impulsi e nel controllo di sè

- Ricerca di sensazioni

- Problemi comportamentali

- ADHD

In adolescenza:

- Sesso femminile (fattore di rischio per la depressione)

- Estremo bisogno di approvazione

- Atteggiamenti favorevoli nei confronti di droghe o uso precoce di sostanze

- Abuso di sostanze tra i genitori o i fratelli

- Scarsa salute mentale dei genitori

- Scarsa abilità genitoriale (rifiuto, ostilità, carenza di calore, alto criticismo dei genitori, disciplina dura)

- Neglet o abuso dei genitori

- Perdita di genitori

- Conflitti coniugali o divorzio

- Disfunzioni familiari

- Iper controllo genitoriale o genitorialità permissiva

- Genitori che rinforzano le minacce e incoraggiano comportamenti di evitamento

- Conflitti fra genitori e figli

- Rifiuto dei pari o alienazione Gruppo dei pari deviante-

- Povertà

- Eventi di comunità stressanti (e.s., violenza)

- Eventi stressanti a scuola

- Facile disponibilità e accesso al reperimento di alcol

Fattori protettivi generali per le difficoltà legate alla salute mentale in infanzia e adolescenza

Prima e seconda infanzia

Individuali Famiglia Scuola, vicinato e comunità

- Buona capacità di autoregolazione

- Attaccamento sicuro con i genitori

- Buona comunicazione e buone capacità di linguaggio

- Capcità di farsi degli amici e di andare d’accordo con gli altri

- Ricettività genitoriale, supporto, protezione dai danni e disciplina

- Risorse socio economiche adeguate  

- Supporto per l’apprendimento precoce

- Servizi supplementari per i bambini svantaggiati (alimentazione, screening medici)

- Basso rapporto tra carevigers e bambini

- Regolamentazione della qualità e dell'assistenza sanitaria e sociale

Terzia infanzia e Adolescenza

Individuali Famiglia Scuola, vicinato e comunità

- Padronanza nelle competenze scolastiche

- Capcità di farsi degli amici e di andare d’accordo con gli altri

- Alta auto efficacia

- Ottimismo

- Capacitià di autoregolazione emotiva

- Legami interpersonali in contesti come la scuola, I pari, nei contesti sportivi o nei gruppi religiosi

- Supporto dei genitori

- Educazione autorevole (coinvolgimento, calore, sostegno all'autonomia, chiarezza nelle regole, nelle aspettative e nella struttura)

- Buon clima familiare

- Disponibilità di supporto sociale al di fuori della famiglia (es. amici, insegnanti, gruppi comunitari, società sportive)

- Gruppi di pari sani

- Gestione efficace della classe

- Politiche e pratiche scolastiche contro il bullismo

- Elevati standard accademici